11-13 settembre – Assemblea transnazionale contro confini, razzismo, sfruttamento e militarizzazione dei territori. Solidarietà ad Andrea e Fouad.

Dall’11 al 13 settembre al presidio permanente di Ventimiglia si svolgerà l’assemblea transnazionale contro confini, razzismo, sfruttamento e militarizzazione dei territori. Askavusa sarà presente ed attiva all’importante incontro.

Vogliamo anche dare la nostra massima solidarietà e vicinanza a Fouad e Andrea i due No Border del Presidio Permanente di Ponte San Ludovico arrestati nelle scorse settimane in Francia per avere mostrato solidarietà ad alcuni profughi e resistenza ai “tutori dell’ordine”. La nostra massima vicinanza a tutte le compagne ed i compagni che nei territori e con una prospettiva comune, stanno pagando sulla propria pelle con repressione e galera, le conseguenze dell’arroganza del potere capitalista. Un potere che da un lato si nutre di sfruttamento, vendita e produzione di armi, guerre, attacco ai territori, sfruttamento dei lavoratori, campi di detenzione per “migranti” e dall’altro lato tenta di reprimere e intimorire chi mette in pratica altre prassi, resistenze, altri processi, altre relazioni sganciate dalla logica del profitto e dello sfruttamento e ancorate nella solidarietà e nella coscienza di classe.

NOI CI SIAMO !

SENZA PAURA !

Di seguito l’appello per l’assemblea.

Assemblea transnazionale contro confini, razzismo, sfruttamento e militarizzazione dei territori.

Dalla chiusura del confine a Ventimiglia alla metà di giugno 2015, questo luogo ha mostrato tutta la violenza che caratterizza le politiche europee in materia di immigrazione. Alla dura repressione messa in atto per impedire il passaggio in Francia, i migranti per primi hanno risposto occupando gli scogli a ridosso della frontiera e costruendo un presidio che nel corso di questi mesi è diventato uno spazio di resistenza, complicità e lotta contro la chiusura del confine.
Dopo due mesi il presidio permanente No Borders di Ventimiglia è ancora al suo posto, e fa appello a tutte le reti, i singoli e le collettività che in questi mesi si sono mobilitate in solidarietà ai migranti in viaggio, per rilanciare un percorso transnazionale contro confini, razzismo, sfruttamento e militarizzazione dei territori.

Nel corso della tre giorni vorremmo sviluppare un ragionamento che tenga conto tanto delle cause che generano i movimenti migratori, quanto delle possibilità che si aprono sui territori in termini di lotta e risposta ai bisogni e allo sfruttamento che vivono i migranti nei luoghi di partenza e destinazione. Riteniamo fondamentale infatti riflettere su come la militarizzazione dei territori, in Europa, Africa e Medio Oriente, abbia effetti devastanti sulle vite di chi li abita, e sulle dinamiche di espropriazione e sfruttamento che sono causa e conseguenza dell’attuale strategia del comando.

workshop
Venerdì 11 Settembre: Militarizzazione, moltiplicazione dei confini e pratiche di resistenza.

Sabato 12 Settembre: Migrazioni, sfruttamento, lotte e riappropriazioni.

Domenica 13 Settembre: Accoglienza istituzionale e alternative radicali.

Questa nuova assemblea transnazionale a Ventimiglia dovrebbe essere l’occasione per costruire maggiore incisività sul piano politico. Per fare questo è necessario che alle nostre riflessioni seguano mobilitazioni all’altezza delle sfide che abbiamo di fronte.

From Lampedusa to Calais,
we are not going back!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...